Sarà che ho avuto la possibilità di provarli a poco tempo di distanza l’uno dall’altro, sarà che a me piacciono le metafore, sarà che quando assaggio un cibo immediatamente penso al suo esatto contrario in termini gustativi.

Per farla breve, sul piatto della degustazione questa volta trovano posto non uno ma ben due prodotti della pasticceria Pepe: il panettone al cioccolato fondente, assaggiato in anteprima a Milano Golosa (fortunati quelli che lo potranno acquistare a Re Panettone a Milano o direttamente a Sant’Egidio al Monte Albino dove la Pasticceria Pepe ha sede) e il dolce da formo “Profumi della costiera”.

Il panettone al cioccolato fondente contiene un cioccolato al 70% di cacao ed oltre ad avere una pasta giustamente soffice e piacevolmente aromatica, colpisce per le note intense del cacao, quella punta quasi tostata, quel sapore vellutato e avvolgente in bocca: nero come la notte, misterioso, affascinante.

 

 

Sapori della costiera è un capitolo a parte: un dolce da forno che è insieme rustico e barocco, grazie alla presenza della farina biscotto da una parte, che crea un impasto quasi sabbioso, e dall’altra dalla presenza di vaniglia, mandorla e pasta di limone candito, abbacinanti nella loro sensazione di calore e “mediterraneità” lo arricchiscono di profumi, sapori e di una sensazione di morbidezza che ricorda quasi una torta caprese “in bianco”, senza però perdere in freschezza grazie alle note intense del limone.

Ecco perché lo yin e lo yang: perché se in questo periodo penso a due dolci completamente differenti l’uno dall’altro eppure indissolubilmente legati, penso a questi, perché sono entrambi il simbolo e il segno di una pasticceria che fa dell’abilità tecnica e della cura delle materie prime  una firma inconfondibile.

 

Leave a Reply